Blog

Posizionamento sui motori di ricerca di un sito in Flash

Un sito completamente sviluppato in Flash può essere visibile senza trucchi e senza una doppia versione in html?

Scopri come massimizzare la visibilità di una pagina web completamente sviluppata in Flash.

Il posizionamento di un sito realizzato in Flash

Mi viene rivolta la seguente domanda: “è possibile posizionare un sito completamente sviluppato in Flash?”.

La mia risposta è che è possibile rendere visibile un sito, anche se completamente sviluppato in Flash, purché si provveda a:

  • Realizzare ottimi contenuti
  • Diffonderli con tecniche bio nel web
  • Ovviare alle limitazioni, in termini di accessibilità ed usabilità, del linguaggio di programmazione scelto.

Occhi - report SEO FlashImmaginiamo questi occhi come il nostro ottimo contenuto, capace di risolvere in modo unico il problema di uno specifico target. Ipotizziamo di volerlo veicolare attraverso un sito completamente in Flash. Immaginiamo, infine, di disporre di un blog, attraverso cui provvedere ad “aggiornamenti” frequenti a beneficio degli utenti e della nostra visibilità.

Cosa vedrebbe Google di questi ottimi contenuti in Flash?

Google è oggi in grado di scovare url e testi in file swf, quando siano adeguatamente implementati, e le sue capacità di leggere Flash sono in continuo aumento, sia perché sa che gli utenti sono interessanti ai loro contenuti, sia perché è costretto a confrontarsi con questa tecnologia molto diffusa (forse abusata) per lo sviluppo multimediale.

Gli aspetti tecnici: embedding di un file flash e tecniche di posizionamento

Inclusione swf con SwfObjectUn oggetto Flash, per poter essere letto dai browser, ha bisogno di un “contenitore” html.
Per l’inclusione di un file swf in una pagina html esistono diverse tecniche.
Concentriamo la nostra attenzione su SWFobject 2.0, un progetto open source di Geoff Stearns, Michael Williams e Bobby van der Sluis, precedentemente noto con il nome di SWFFix, che consente di richiamare un file swf utilizzando una combinazione di standard di marcatura e javascript (non intrusivo). Questo metodo restituisce ottimi risultati in termini di compatibilità con browser e sistemi operativi, tanto da lasciarsi preferire alle stesse tecniche di inclusione offerte da Adobe (l’azienda proprietaria del marchio Flash).

indicizzazione nascostaIn passato, l’esigenza di rendere visibile un sito completamente in Flash, seguendo le direttive di una pagina html relegata a mero contenitore, sterilizzata per non insistere sulla resa grafica del progetto, ha fatto si che, oltre a massimizzare il rendimento del poco codice html fisiologicamente presente (interventi su titolo della pagina, descrizione ed altri meta tag), si diffondesse il ricorso a tecniche di “mascheramento del testo”. La tendenza è stata, cioè, a separare ciò che deve essere visto dagli utenti da ciò che invece deve essere dato in pasto a Google.
Ma qual è la posizione di Google rispetto a testi nascosti per colore, dimensione o posizione? Possiamo affermare con certezza che non è di favore!!!

doppia versione html flashLa soluzione raccomandata (anche dai guru SEO) per garantire visibilità ad un sito flash, passa per la creazione di un sito in HTML da affiancare al primo, ovvero per un sito misto dove l’immagine sia affidata a Flash ed il contenuto testuale stipato in html (con l’inconveniente in questo ultimo caso di dover creare un’animazione per ciascuna pagina e di attenderne il caricamento). Possiamo dunque immaginare diversi modi per lavorare sulle parti o sulle pagine in html, che comunque andranno realizzate.
Ma se decidessimo di creare un doppio sito, dedicandoci unicamente all’ottimizzazione della sua versione in html, che ne sarebbe dei nostri ottimi contenuti in Flash? Non è forse la soluzione raccomandata una risposta “evasiva” alla domanda di visibilità ricevuta?

Un nuovo approccio al posizionamento sui motori di ricerca dei siti realizzati in Flash

Abbiamo compreso che GG non vede solo un contenitore vuoto quando gli si propone una pagina interamente sviluppata in Flash. Un utente senza plugin flash o con lo stesso disabilitato vedrebbe, invece, proprio questo!

Non dobbiamo dimenticare che la nostra missione è sviluppare ottimi contenuti a beneficio degli utenti. Questo vuol dire che, anche se la nostra scelta è stata un doppio sito, non possiamo esporci al rischio di lasciare un nostro utente solo, dinanzi a quello che sembra un oggetto rotto!

contenuto alternativoEcco che lo stesso SWFobject ci fornisce la soluzione… un testo e un’immagine di cortesia che non lascino disorientato il nostro visitatore “senza Flash” e che lo invitino a scaricare o attivare il player per godere pienamente dei nostri ottimi contenuti.

Ma se l’utente non fosse capace, non volesse, o non avesse banda per permettersi di vedere il sito Flash?

Il messaggio di cortesia può trasformarsi, allora, in una vera e propria “pagina sostitutiva”, una pagina cioè perfettamente letta da GG e proposta al nostro utente automaticamente dallo script java quando non viene rilevata la presenza di plugin Flash.
Non possiamo certo dire di aver raggirato Google con testo nascosto! Abbiamo invece aumentato l’accessibilità al nostro ricco contenuto, tutto rigorosamente in linea con la “deontologia bio”.

La pagina sostitutiva è una pagina html a tutti gli effetti… ospitata nello stesso “contenitore” dal quale viene richiamato l’oggetto swf. Possiamo ottimizzare questa pagina per i motori e curarne a fondo grafica e testi, rendendo pienamente gli ottimi contenuti, in armonia e a completamento della versione Flash.

La tecnica è simpatica a Google tant’è che, nell’Official weblog about Google development projects, è recensito e considerato come “standards-friendly metods to embed Flash content”.

Le raccomandazioni

E’ inutile precisare che occorre giudizio: valgono sempre le regole conosciute circa spam e key stuffing. La stessa giusta lunghezza del testo è in discussione, mentre è vivamente consigliato conservare aderenza tra pagina sostitutiva e contenuto del filmato Flash.
La visibilità di una pagina ottimizzata tecnologicamente non è una garanzia ma una possibilità che vive solo nell’immediato.
Un lavoro costante e di qualità, con aggiornamenti continui pensati per il nostro target, è il segreto del successo per qualunque progetto web, anche se, “coraggiosamente”, si decida di arrivare a destinazione percorrendo una via poco battuta.

La documentazione ufficiale su Google Code

Puoi leggere la documentazione uffciciale su SWFObject nella pagina dedicata al progetto su Google Code.

SWFObject su Google Code

Tag:

Condividi questo post con il mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

© Copyright 2015 – Diego Gianluigi Di Salvo – Tutti i diritti riservati – Privacy e Cookies PolicyCredits